Disturbo dell’orgasmo femminile

Il disturbo dell’orgasmo femminile può riguardare la difficoltà di raggiungere l’orgasmo e/o la riduzione dell’intensità delle sensazioni orgasmiche dopo una normale fase di eccitamento sessuale.
Per parlare di disturbo dell’orgasmo, questi aspetti devono essere presenti in tutti o quasi tutti i rapporti sessuali per almeno 6 mesi, causando notevole disagio; spesso infatti la difficoltà nel raggiungere l’orgasmo suscita sentimenti di inadeguatezza ed emozioni negative di tristezza, angoscia e senso di colpa in entrambi i partner.
Il disturbo dell’orgasmo femminile può essere:

  • situazionale: se si verifica esclusivamente in presenza di specifici partner o situazioni;
  • generalizzato; se è presente in ogni circostanza;
  • permanente: se le difficoltà sono sempre state presenti e la donna non ha mai raggiunto l’orgasmo da sola o con il/la partner con qualsiasi tecnica di stimolazione;
  • acquisito: se la donna ha sviluppato il disturbo dopo avere provato in passato l’orgasmo.

La prevalenza del disturbo varia notevolmente, con stime tra il 10 e il 42%. Inoltre sembra che il
10% delle donne non raggiunga mai l’orgasmo nel corso della vita.

Alcuni fattori psicologici che possono essere implicati nel disturbo riguardano timore di perdere il controllo e/o di lasciarsi andare, scarsa conoscenza della propria sessualità e del proprio corpo, fobie sessuali specifiche, eventi stressanti (ad esempio, perdita del lavoro, lutti, malattie, ecc.), ansia o depressione, rapporto relazionale con il partner conflittuale o caratterizzato da scarsa intimità,
incompetenze sessuali, aspetti culturali o religiosi rigidi, preoccupazioni per un’eventuale gravidanza.

Il trattamento cognitivo comportamentale del disturbo prevede diversi interventi tra cui il protocollo “Becoming orgasmic” (LoPiccolo e Lobittz, 1972), training di abilità sessuali, utilizzo di fantasie sessuali, ristrutturazione cognitiva per mettere in discussione convinzioni e credenze che ostacolano il raggiungimento dell’orgasmo, e strategie per migliorare la comunicazione e i rapporti interpersonali all’interno della coppia.